Nicoletta Barocca

 
 


A.S. 1998, Diploma di Maturità Scientifica (votazione 56/60), conseguito presso il Liceo Scientifico “G. Marconi”  di Grosseto

A.A. 2005/ 2006, laurea in Scienze dei Beni Archeologici (votazione 110/110), conseguita presso l’Università degli Studi di Siena con una tesi dal titolo “Regio Maritima. Il paesaggio antico delle lagune tra Talamone e Cosa” (relatore: Prof. Franco Cambi, insegnamento di Archeologia dei Paesaggi Antichi)

2008: Attestato in "Metodi e tecnologie geofisiche per l’archeologia", rilasciato presso il Centro di Geotecnologie dell’Università degli Studi di Siena, San Giovanni Valdarno (AR)

A.A. 2009/2010, laurea Specialistica in Archeologia (votazione 110/110 e lode), conseguita presso l’Università degli Studi di Siena con una tesi dal titolo “Le Mura di Santo Stefano, Anguillara Sabazia (Roma). Un approccio all’area con nuovi metodi di studio” (relatore: Prof. Franco Cambi, inegnamento di Archeologia dei Paesaggi Antichi, controrelatore Prof. Enrico Zanini)

 

Chi sono:


Interessi di ricerca:


Archeologia globale dei paesaggi

Applicazioni GIS per l'analisi spaziale e gli studi sul territorio

Cartografia antica

Geofisica applicata alla ricerca archeologica (nello specifico indagini di resistività)

Sistemi di rilevamento satellitare (GPS)


Esperienze sul campo:


2002:

Partecipazione alla ricognizione archeologica nel territorio di Populonia, Piombino (Li), organizzata dalla cattedra di Archeologia dei Paesaggi Antichi dell’Università di Siena, Dipartimento di Archeologia (Prof. Franco Cambi).

2003:

Ricognizione archeologica organizzata dalla cattedra di Archeologia dei Paesaggi Antichi dell’Università di Siena in collaborazione con la SPEA per la valutazione dell’impatto archeologico relativo alla ristrutturazione del corridoio autostradale tirrenico.

2004:

Partecipazione alla campagna di scavo in località Trebbio-Spinellina, Sansepolcro (Ar) organizzata dalla cattedra di Etruscologia e Antichità Italiche dell’Università di Siena, Dipartimento di Archeologia (Dott. Andrea Ciacci);

Ricognizione archeologica nel territorio di Populonia, Piombino (Li), organizzata dalla cattedra di Archeologia dei Paesaggi Antichi dell’Università di Siena, Dipartimento di Archeologia (Prof. Franco Cambi);

2005:

Campagna di scavo in località Trebbio-Spinellina, Sansepolcro (Ar) organizzata dalla cattedra di Etruscologia e Antichità Italiche dell’Università di Siena, Dipartimento di Archeologia (Dott. Andrea Ciacci);

Ricognizione archeologica nel territorio di Populonia, Piombino (Li), organizzata dalla cattedra di Archeologia dei Paesaggi Antichi dell’Università di Siena, Dipartimento di Archeologia (Prof. Franco Cambi);

2006:

Incarico di collaborazione per il Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti, Università degli Studi di Siena, per la realizzazione del seguente programma: “Realizzazione del GIS del territorio di Cosa in età Romana e riordino dell’archivio schedografico e cartografico”

Campagna di scavo in località Baratti, Populonia (Li), organizzata dalla cattedra di Metodologia della Ricerca Archeologica dell’Università di Siena, Dipartimento di Archeologia (Prof. Franco Cambi);

Responsabile della diagnostica archeologica, con analisi geofisiche di resistività e georadar nel Golfo di Baratti, Piombino (Li), organizzata dalla cattedra di Archeologia dei Paesaggi Antichi dell’Università di Siena, Dipartimento di Archeologia (Prof. Franco Cambi);

2007:

Collaboratrice presso il Laboratorio di Archeologia dei Paesaggi, Università degli Studi di Siena

Partecipazione allo scavo urbano nella Piazza Magnante, Anguillara Sabazia (Roma) organizzato dalla cattedra di Storia Greca dell’Università Di Siena, dalla cattedra di Archeologia dei Paesaggi dell’Università Di Siena e dal Comune di Anguillara Sabazia. (Dott. G. Cordiano e Prof. F. Cambi);

Campagna di ricognizione e ricerca archeologica organizzata dal Dipartimento di Studi Classici dell’Università degli Studi di Siena (Dott. Giuseppe Cordiano) e dal Comune di Anguillara Sabazia (Roma) in collaborazione con l’Ente Parco dei laghi di Bracciano e Martignano, nei territori dei laghi di Bracciano e Martignano (Comuni di Trevignano, Anguillara Sabazia, Bracciano);

2008:

Collaboratrice presso il Laboratorio di Archeologia dei Paesaggi, Università degli Studi di Siena

Responsabile della diagnostica archeologica (indagini di resistività) in loc. S. Giovanni, Portoferraio (Li), in collaborazione con il Dott. Alessandro Corretti, del Laboratorio di Storia, Archeologia e Topografia del mondo antico, Scuola Normale Superiore di Pisa;

Ricognizione nei territori dei laghi di Bracciano e Martignano e responsabile della diagnostica archeologica (indagini di resistività) presso il sito delle Mura di Santo Stefano (Anguillara Sabazia, Roma), organizzata dal Dipartimento di Studi Classici dell’Università degli Studi di Siena (Dott. Giuseppe Cordiano) in collaborazione con il Comune di Anguillara Sabazia (Roma) e l’Ente Parco dei laghi di Bracciano e Martignano;

2009:

Collaboratrice presso il Laboratorio di Archeologia dei Paesaggi, Università degli Studi di Siena

Curatore dell'esposizione "Ambiente lagunare e cantiere archeologico subacqueo", presso lo stand Hydra Ricerche, all'interno della manifestazione BIG BLU 2009 (Fiera di Roma)

Partecipazione all'attività di scavo e diagnostica archeologica (indagini di sismica a rifrazione) in loc. Buca delle Fate, Populonia (Li), nell’ambito del progetto “Cave e studio dei materiali lapidei”, organizzato dal Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti (Prof. Franco Cambi, Dott.ssa Cynthia Mascione);

Ricognizione nei territori dei laghi di Bracciano e Martignano e responsabile della diagnostica archeologica (indagini di resistività) presso il sito delle Mura di Santo Stefano (Anguillara Sabazia, Roma), organizzata dal Dipartimento di Studi Classici dell’Università degli Studi di Siena (Dott. G. Cordiano), in collaborazione con il Comune di Anguillara Sabazia (Roma) e l’Ente Parco dei laghi di Bracciano e Martignano;

2010:

Partecipazione alle indagini di magnetometria eseguite dalla Dott.ssa L. Cerri in località Capalbiaccio (GR), sotto la direzione dalla Dott.ssa M. Hobart (Adjunct Assistant Professor, Cooper Union University, New York) in collaborazione con l'Università degli Studi di Siena;

Collaborazione alle ricerche nell'ambito del Capalbiaccio Project, sotto la direzione della Dott.ssa Michelle Hobart (Adjunct Assistant Professor, Cooper Union University, New York) in collaborazione con l'Università degli Studi di Siena (in corso).

2011:

Collaboratrice presso il Laboratorio di Archeologia dei Paesaggi, Università degli Studi di Siena

Curatore dell'intervento "Corridoio autostradale tirrenico. La componente "archeologia" nella valutazione di impatto ambientale"  nell'ambito  del workshop "GIS E ARCHEOLOGIA. Fra Ricerca, Tutela e Gestione delle Risorse" (Università degli Studi di Roma, La Sapienza, 11 Ottobre 2011), Giornate di studio della ESRI Italia.

Partecipazione alla campagna di scavo in loc. Spolverino, Alberese (Gr), nell'ambito del Progetto Archeologico Alberese, organizzato dalla SBAT in collaborazione con l'Ente Parco Regionale di Alberese e l'Azienda Agricola dell'Alberese (direzione scientifica M. Cygielman, E. Chirico, M. Colombini, A. Sebastiani);

Curatore dell'intervento "Il museo nel paesaggio. Esperienze di valorizzazione", nell'ambito  del convegno "La Chiana dal mare alle bonifiche. Storia di un fiume invisibile"(ARCHEOFEST 2011, Chianciano Terme, Villa Simoneschi)

2012:

Collaborazione  all'attività didattica della cattedra di Archeologia dei Paesaggi (Prof. Cambi), all'interno del corso specialistico di "Paesaggi dell'Italia antica " (lezioni e laboratorio frontale)

Partecipazione alla campagna di scavo in loc. Spolverino, Alberese (Gr), nell'ambito del Progetto Archeologico Alberese, organizzato dalla SBAT in collaborazione con l'Ente Parco Regionale di Alberese e l'Azienda Agricola dell'Alberese (direzione scientifica M. Cygielman, G. Poggesi, E. Chirico, M. Colombini, A. Sebastiani);



Pubblicazioni:


Prospezioni geofisiche sperimentali nel Golfo di Baratti e presso lo scavo del Vignale, in “Notiziario della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana”, 2/2006,

pp. 265-268.


"Maritima Regio". L’ambiente costiero nell’antico agro Cosano, in A. Ciacci, P. Rendini, A. Zifferero (a cura di), 2012Archeologia della vite e del vino in Toscana e nel Lazio. Dalle tecniche dell'indagine archeologica alle prospettive della biologia molecolare, Quaderni del Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti, Sezione archeologia-Università di Siena, All'insegna del Giglio, Firenze, pp. 459-474


Geo-archaeology of Coastal Southern Tuscany, in Hobart M. (a cura di),  A Frontier Castle in Southern Etruria: Excavations and Non-Invasive Archaeology at the Castle of Tricosto, Capalbiaccio (1976 - 2010), SUNY Press, Buffalo (forthcoming 2013)



Conoscenze linguistiche:


Inglese: buona.


Conoscenze informatiche:


Applicativi: Word, Excel, Powerpoint, Publisher, Outlook

Database: Filemaker 6, Access

Grafica 2D: Photoshop

Sistemi GIS (Geographic Information System): ArcView 3.1, 3.2, ArcMap10

Disegno Automatico: AutoCAD